IL FORUM DELLA CITTA’ MONDO AL MUDEC

I prossimi appuntamenti:

mudec-marzo-giugno-2016_cover

 

scarica la brochure

scarica il programma stampabile in pdf

Aprile
Maggio
Giugno

Eventi “Italiani sull’Oceano”
Outis al Mudec

 

APRILE 2016

 

LA CITTA’ DEI CITTADINI. Festival delle arti civiche

giovedì 7 e venerdì 8 aprile 2016 ore 10.00/13.00 – 14.30/17.30

Spazio delle Culture

a cura di Connecting Cultures, nell’ambito del progetto Dencity

Il convegno propone due giorni di confronto tra posizioni e funzioni diverse dedicate a quattro temi: i grandi scenari della progettualità a macro scala che delineano nuovi orizzonti e che comprendono grandi progetti di riqualificazione ma anche la città pubblica e il Bene Comune; Abitare la città in tutte le sue sfaccettature, il ruolo dell’innovazione nell’edilizia pubblica, abitazioni di lusso ed edilizia popolare a confronto; lo spazio pubblico e la sua funzione, i nuovi pubblici e i diversi utilizzi della città pubblica; la dimensione del locale, la sua sostenibilità e le sue potenzialità.

L’obiettivo è favorire uno sguardo progettuale più ampio ed interdisciplinare per aprire orizzonti del tutto inediti, fondati su una cultura di nuove ecologie urbane concepite a scale diverse e soprattutto a dimensione umana.

Tra gli invitati Stefano Boeri, professionisti quali Marco De Ponte e Pietro Petraroia, grandi attori come Arup, urbanisti, esperti di altre discipline e associazioni di cittadini.


 

Itinerari dei Tropici 1 – “Architettura cerimoniale inca: Machu Picchu” – Conferenza di Adine Gavazzi

giovedì 14 aprile 2016 ore 18.00 – 20.00

Spazio delle Culture

a cura dell’ Associazione Mimondo

Adine Gavazzi, architetto e antropologa americanista, studia l’architettura cerimoniale andina e amazzonica dal 1986. Nell’ambito inca in collaborazione con il Ministerio de Cultura a Machu Picchu, dirige un centro di ricerca tecnomorfologica dove sono state sviluppate una metodologia di campo e una base teorica disciplinare per comprendere la tecnologia e le modalità costruttive attraverso la modellazione 3D dei siti.


 

 

Conferenza: Pittori Indiani contemporanei – I grandi precursori e il Progressive Artists’ Group di Bombay

martedì 19 aprile 2016 ore 17.30 – 19.30

Spazio delle Culture

a cura del Centro di Cultura Italia – Asia “Guglielmo Scalise”

Relatrice: Vanna Scolari Ghiringhelli

In India, agli inizi del ’900, quasi all’improvviso, dalla Scuola del Bengala e dalla Scuola d’Arte di Shantiniketan fondata da R. Tagore, si sprigiona un’incredibile energia artistica in opposizione ai pittori accademici della British Royal Academy of Fine Arts, energia che nel 1947 esplode nell’innovativo mondo del Progressive Artists’ Group.

Un gruppo di artisti che doveva riuscire a entrare nella corrente viva dell’arte contemporanea, usare nuovi mezzi tecnici e un nuovo senso estetico, ma nel contempo tener vivo il respiro culturale del proprio paese e mantenere in equilibrio la tradizione con la nuova costruzione artistica: essere quindi pittori moderni, ma anche pittori indiani.

 


 

 

AVVISO: la  Mostra di Francisco Javier Medina Lopez “Colores y Corales” – Fondali Venezuelani su tela

e gli eventi collaterali sono stati rinviati a data da destinarsi

giovedì 21 aprile 2016 ore 18.30 – 22.00 Inaugurazione – fino a martedì 3 maggio – orari museo

Spazio delle Culture

curata da Consuelo Hernandez e Luis Lugo Garcia in collaborazione con l’Associazione Venezuelani in Lombardia

Mostra dell’artista venezuelano Francisco Javier Medina Lopez, incentrata sulla tematica del mare, dei fondali sabbiosi, delle barriere coralline e sulle tradizioni culturali dei Caraibi venezuelani. Composta da 15 opere olio su tela e tessuti lavorati a mano.


 

 

Apertura del ciclo di incontri relativi al progetto “Potlach Milano”: politiche di promozione dell’integrazione e dell’intercultura.

venerdì 22 aprile 2016 ore 18.00 – 19.30

Spazio delle Culture

Ideato e promosso da Dynamoscopio con Codici Ricerche col supporto dell’Associazione Città Mondo.

Percorso partecipato per esplorare, comprendere, valorizzare e attivare l’intercultura come risorsa e bene comune della città.

Potlach Milano è una ricerca-azione interdisciplinare per fare insieme un film che ci interroghi sui significati dell’intercultura come risorsa di cambiamento per Milano.

A partire da questo quadro, il progetto intende rileggere la città come un ‘laboratorio a cielo aperto’ di pratiche interculturali quotidiane, in cui i legami, le espressioni e gli usi della città sono frutto di una ibridazione culturale che avviene giorno dopo giorno.


 

 

Evento  rinviato a data da destinarsi: Performance dell’artista Francisco Javier Medina Lopez “Tu y yo”

sabato 23 aprile 2016 ore 16.00 – 18.00

Spazio delle Culture

Nell’ambito della mostra di Francisco Javier Medina Lopez “Colores y Corales” – Fondali Venezuelani su tela, curata da Consuelo Hernandez e Luis Lugo Garcia in collaborazione con l’Associazione Venezuelani in Lombardia

Mostra dell’artista venezuelano, incentrata sulla tematica del mare, dei fondali sabbiosi, delle barriere coralline e sulle tradizioni culturali dei Caraibi venezuelani. Composta da 15 opere olio su tela e tessuti lavorati a mano.


 

 

Fabbricare il dialogo: un progetto lungo un anno

mercoledì 27 Aprile 2016 ore 17.00

Spazio delle Culture

a cura delle Associazioni Sunugal, Mascherenere, Chance Eventi e Comune di Milano e sostenuto da Fondazione Cariplo.

Conferenza e dibattito pubblico sui temi de La Fabbrica del Dialogo con il Suq delle Culture progetto dedicato alla partecipazione culturale dei cittadini e all’intercultura.

Previsti interventi di studiosi, curatori e protagonisti del progetto.
Per dettagli e per inviare commenti e spunti http://www.fabbricadeldialogo.it


 

Conferenza: esperienze e ipotesi di archeologia nei territori dell’Africa SubSahariana

giovedì 28 aprile 2016 ore 18.00 – 20.00

Spazio delle Culture

a cura di Arci Darfur

Il Sahara ed i territori del Sahel dall’Atlantico al Mar Rosso , un tempo zone fertili occupate da grandi foreste ricche di animali selvaggi, di floride coltivazioni, con potenti regni i dediti al commercio, alla pastorizia ed all’ agricoltura, attraversate da importanti rotte carovaniere , ora son in via di continua desertificazione per l’abbandono delle terre a causa di guerre e disastri naturali . I graffiti delle rocce, i resti che emergono dal sottosuolo rappresentano però una grande riserva di testimonianze poco esplorate delle civiltà che vi hanno vissuto o che le hanno attraversate.

Di queste storie ci sono pervenute informazioni dagli storici e cronisti greci, romani ed arabi, dai documenti egiziani, dalle testimonianze dei viaggiatori e dei mercanti che hanno permesso di ricostrure eventi sommari. Ora l’archeologia si è rivelata uno strumento importante per ridare consistenza storica, artistica e sociale a molte società che parevano scomparse. In questo senso presentiamo questa proposta a cura di Giulio Calegari – responsabile della sezione di paletnologia del Museo civico di Storia naturale di Milano e socio fondatore del Centro Studi Archeologia Africana – che parlerà dell’importanza delle ricerche archeologiche per la conoscenza delle culture africane ed in particolare illustrerà la sua esperienza di scavi nel Mali . Verranno presentate documentazioni audiovisive.


 

 

Conferenza: La tristezza e l’immigrazione nella narrazione di Lenin Solano Ambia

venerdì 29 aprile 2016 ore 17.30 – 19.30

Spazio delle Culture

a cura dell’Associazione Nuevo Mundo

Intervento dello scrittore, la cui opera può essere osservata come uno studio di sociologia delle culture in transito. I migranti raccontati attraverso i suoi libri: “Cada hombre tiene un sueño”, “Cementerio Pere Lachaise” e “Lágrimas de niños” Ospiti la critica letteraria Irina Bajini e di Ricardo Morote, Console Generale del Perù a Milano.


 

 

Evento  rinviato a data da destinarsi: Conferenza “La natura sottomarina dei Caraibi”.

Mauro Mariani – biologo marino –

sabato 30 aprile 2016 ore 18.00

Spazio delle Culture

Nell’ambito della mostra di Francisco Javier Medina Lopez “Colores y Corales” – Fondali Venezuelani su tela, curata da Consuelo Hernandez e Luis Lugo Garcia in collaborazione con l’Associazione Venezuelani in Lombardia

Partecipano Medina Lopez, Lucila Urbina, Consuelo Hernandez, Luis Lugo Garcia. Modera Clara Taormina. Modelle Ainette Stephens e Roselyn Colmenares.




MAGGIO 2016

 

Presentazione e preview della Mostra “Somalia, ‘Hido & Dhakan’”

Sabato 7 maggio 2016 ore 18.00 – 22.00

Spazio delle Culture

a cura dell’Associazione di Volontariato Shukran

La tradizione nei gesti domestici del quotidiano, attraverso fotografie e disegni, abiti, accessori e favole per bambini. Conferenza con illustrazione della mostra, preparazione e cerimonia del tè, proiezione e brani musicali somali.


 

 

Itinerari dei Tropici 2 – “Geografie dell’Africa settentrionale: Libia, Tunisia, Senegal” – Conferenza di Gianni Perotti

giovedì 12 maggio 2016 ore 18.00 – 20.00

Spazio delle Culture

a cura dell’ Associazione Mimondo

Gianni Perotti è un architetto che negli anni ’70 e ’80 ha progettato e realizzato spedizioni archeologiche e viaggi esplorativi in Africa, ha documentato le città preislamiche in Mauritania e ha attraversato a piedi l’Akakus in Libia. Con lo Studio ODB&Partners ha vinto il concorso internazionale UNESCO che celebra il bicentenario della fine della Tratta per la costruzione di un grande Memorial a Dakar (Senegal).


 

 

“Festival Internazionale di Poesia di Milano – Il giro del giorno in 80 Mondi”

sabato 14 maggio 2016 ore 10.30 – 22.00
Spazio delle Culture

a cura dell’Associazione MilanoFestivaLetteratura

Il primo Festival Internazionale di Poesia di Milano si pone come obiettivo quello di creare uno spazio plurale di diffusione della parola Poetica, in tutte le sue declinazioni, di riconoscere i valori culturali di ogni paese rappresentato e di approfondire gli aspetti dell’Identità.

Un Festival in stretto contatto con realtà consimili disperse per il mondo: Festival de la Poesìa de Granada (Nicaragua), Festival de Medellín (Colombia), Festival de Rosario (Argentina), Barcelona Poesía (Spagna), Brugge Poésie (Belgio), Festival Palabra en el Mundo (In 2.000 luoghi del mondo contemporaneamente).

Rassegna di letture, performance, presentazioni di libri, dibattiti e convegni sulla declinazione della parola poetica. La Poesia come linguaggio universale e come “un’arma carica di futuro” (Gabriel Celaya)


 

Itinerari dei Tropici 3 – “Sciamanismo e medicina: un medico volontario racconta gli insegnamenti degli indigeni” – Conferenza di Aldo Lo Curto

mercoledì 18 maggio 2106 ore 17.30 – 19.30

Spazio delle Culture

a cura dell’ Associazione Mimondo

Aldo Lo Curto è un medico di famiglia, lavora per 6 mesi all’ anno in Italia, mentre negli altri sei presta servizio medico volontario nei vari continenti, da oltre 30 anni. Racconterà la sua attività che lo ha portato a contatto con etnie di oltre 50 paesi, alcune isolate, altre migrate nelle baraccopoli delle grandi città. Ha donato al Mudec circa 500 oggetti provenienti dall’Amazzonia del Brasile e dalle Isole Salomone, dove è ancora attualmente impegnato oltre che in Benin, Madagascar, India e Mongolia.


 

 

Conferenza di Carla Gianotti: “Cenerentola nel Paese delle Nevi. Fiaba tibetana”

Un itinerario archetipico di trasformazione del femminile.

giovedì 19 maggio 2016 ore 18.00 – 20.00

Spazio delle Culture

a cura dell’Associazione AsiaTeatro

Tra le centinaia e centinaia di versioni di Cenerentola che vanno dall’Occidente all’Oriente all’Africa, un posto particolare occupa la storia tibetana di Cenerentola. Un itinerario archetipico di trasformazione del femminile, ricco di valenze simboliche e dove la protagonista, dopo aver camminato nella miseria, nella nebbia e in luoghi inospitali e inumani, troverà infine ciò che cercava all’inizio: il fuoco che brucia, che trasforma, che illumina.


 

 

Proiezione del documentario “Il sogno di Caleb”

sabato 21 maggio 2016 ore 17.30 – 22.00

Spazio delle Culture

a cura dell’Associazione Culturale AB (Arezzo Ballet), in collaborazione con la Casa della cultura musulmana di via Padova

Presentazione del percorso denominato “Il Sogno di Caleb”, nome preso in prestito dal titolo del documentario omonimo, che verrà proiettato e seguito dalla presentazione degli autori. Soggetto scritto da Mela Tomaselli, con la regia di Elena Bedei. La presentazione degli autori è coadiuvata dai partecipanti al laboratorio, ragazzi e ragazze della moschea di Via Padova, tenutosi nei due mesi precedenti a seguito della proiezione nella Moschea dello stesso documentario. Nel laboratorio successivo alla proiezione, i temi proposti fungono da miccia per rielaborare una propria risposta “creativa” ai quesiti. Il risultato, che si presume fine o tappa significativa del percorso, verrà esposto al MUDEC dai partecipanti al laboratorio.

Il documentario è stato girato nell’arco di due anni e mezzo tra Kenya e Italia, in uno slum di Nairobi, a Bologna negli studi televisivi della RAI dello Zecchino d’Oro, edizione 2006 e poi ancora a Nairobi, rappresentando il Parlamento mondiale dei bambini al World Social Forum di Nairobi all’inizio del 2007, per poi seguirne fino agli inizi del 2008 le ultime vicende durante gli scontri e i disordini post-elettorali.


 

 

Coro dei Leoni – Integrazione attraverso la musica

giovedì 26 maggio 2016 ore 17.00 – 18.00

AGORA’ MUDEC

diretto dal Maestro Andrea Carnevali

Il Coro dei Leoni nasce nel settembre 2013 all’interno dell’IC Statale di via Palmieri per iniziativa di alcune insegnanti e del maestro Andrea Carnevali.

Il coro è costituito esclusivamente da alunni della scuola primaria ed è l’unico coro di bambini a Milano a cantare fluentemente in una ventina di lingue straniere. Esso si pone come buona pratica di integrazione attraverso la musica in una zona della città, il quartiere Stadera, ricchissima di culture diverse, ma anche esposta al rischio di fragilità sociale e di conflittualità.

Ogni bambino della scuola canta, oltre che nella propria lingua madre, anche in quelle di tutti gli altri: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, rumeno, russo, turco, arabo, ebraico, cinese, hindi, giapponese, coreano, filippino ecc. Questo ha portato inizialmente a una felice scoperta del mondo musicale degli altri e conseguentemente a una straordinaria coesione tra i bambini. Il Coro dei Leoni si esibisce in formazioni variabili dai 20 ai 350 elementi.



 

GIUGNO 2016

 

Spettacolo di burattini in lingua originale russa con sottotitoli in italiano. Esibizione del gruppo musicale “PIKKOLINKI”. Mostra di disegni realizzati dai bambini, a cura di Chirkina Anastasija.

giovedì 2 giugno 2016 ore 14.00 – 19.00

MUDEC LAB

Gruppo vocale “Pikkolinki”: Liudmila Dubiaga;
Gruppo teatro “Teremok”: Roumia Bravina e Ekaterina Zhindaeva; Adolfo T. Tavani.

a cura dell’Associazione “Armonia” Scuola Russa

ore 17.00 – 18.00

Spazio delle Culture

Conferenza :”I classici russi nel cinema e nella televisione italiana”

a cura dell’Associazione “Armonia” Scuola Russa

Una lezione-conferenza che svela uno sguardo particolare sulla letteratura russa dell’Ottocento e la sua diffusione di massa in Italia attraverso la televisione

Partecipano la Direttrice della Scuola Lioudmila Lazareva, Elena Kupetzkova, Olga Petrova.


 

 

Documentario “La chitarra libera – in ricordo di Mbarek Ammouri”

sabato 4 giugno 2016 ore 18.00 – 21.00

Spazio delle Culture

a cura dell’Associazione Culturale Berbera

L’iniziativa intende far conoscere al pubblico milanese la vita e l’opera di Mbarek Ammouri (1951 – 2015), un grande ed apprezzato cantante berbero del Marocco, nonché poeta e serio militante per la causa della riabilitazione della lingua e cultura berbera. Benché già malato, Ammouri aveva onorato con la sua presenza e con una splendida esibizione il IV Festival Berbero di Milano nella primavera del 2013 (si veda https://www.youtube.com/watch?v=yQ8YptR-I_k ).

Ad un anno dalla sua scomparsa, il regista Ahmed BAIDOU ha realizzato un documentario dal titolo “La chitarra libera – Ammouri”, che sarà preceduto da una breve conferenza introduttiva ad opera di Vermondo Brugnatelli (Presidente dell’Associazione Culturale Berbera) e di qualche canto eseguito da un duo chitarra e percussione (darbuka).


 

 

Il Popolo della Terra. “I Mapuches”

venerdì 10 giugno 2016 ore 17.30 – 19.30

Spazio delle Culture

a cura delle Associazioni Proficua, Alpiandes e Baobab

Conferenza e performance con letture, musiche e danze sui Mapuches, una società millenaria che possiede una lingua, uno stile di vita e un’organizzazione propria. Una società che si è sviluppata come nazione in modo libero e indipendente e che lotta per la riconquista delle sue terre base fondamentale della propria cultura. La chiave di lettura è il nome stesso di questo popolo del sud del mondo, che per secoli ha abitato la terra che Neruda descrive come un petalo che si allunga sul mare, il Cile. Ed è proprio il rapporto con la terra il fondamento da cui muovono e in base al quale prendono forma la cultura, l’organizzazione politica e sociale, l’economia e la stessa vita quotidiana del popolo Mapuche.

Le loro battaglie, la lunga ed estenuante resistenza al dominio spagnolo così come la lotta e le rivendicazioni che stanno portando avanti dalla fine della dittatura di Pinochet a tutt’oggi, acquisiscono il loro senso reale e profondo a partire da un peculiare rapporto con la terra, dall’intenso sentimento di appartenenza ad un suolo e ad una natura pervasi di sacralità in ogni aspetto e manifestazione.

I Mapuches sono l’unico dei popoli autoctoni delle americhe che resiste per secoli alla colonizzazione, conservando, fino alla costruzione dello Stato cileno nel 1810, il possesso dei propri territori nel sud del Cile.

Interverranno Margarita Clement – insegnante di Arte e Intercultura; Felisa Alvear – coreografie, canto e letture; Roberto Carusi – letture; Veronica Alvear – canto e danza.


 

 

Giornata della Cultura siriana

sabato 11 giugno 2016 ore 15.00 – 21.00

Spazio delle Culture

a cura del Centro culturale Siriano e delle culture del Levante Alphabet

Breve presentazione dell’associazione Alphabet; proiezione del video (10′) “L’ARTE VINCE LA GUERRA” realizzato da A.Arsheed, F.Ismaeil, R.Khadrawi e T.Aljabr; narrazione del viaggio dei giovani artisti dell’associazione verso l’Italia; lettura di poesie di poeti siriani; esibizione musicale del violinista Alaa Arsheed; apericena con offerta di assaggi della cucina araba.

Un esperimento per poter aprire una vera finestra sulla Siria (e su tutta l‘area nota come Sham ): farne sentire la semplicità e il calore, la fragranza del gelsomino e non il fumo degli incendi. Farne un’occasione per conoscere i veri Siriani non divisi da religione, credo o cittadinanza .

La Siria è un paese dalla storia unica, che ha insegnato al mondo il primo Alfabeto. E’ una terra dalle fertili pianure, altissime montagne, aperti deserti, dove da sempre convivono diverse etnie: arabi, greci, armeni, assiri , curdi, circassi, mandei e turchi. Un brillante mosaico che contiene – anche oggi – oltre 16 religioni e culture.


 

 

Presentazione della piattaforma “Contaminafro, identità in evoluzione”

giovedì 16 giugno 2016 ore 18.00 – 21.00

Spazio delle Culture

a cura dell’Associazione Arci Mo ‘O Me Ndama

Oltre il festival, percorsi per una piattaforma. Le culture africane si muovono, viaggiano, incontrano culture, si contaminano.

Il progetto nasce due anni fa dall’esigenza di dare spazio a Milano ad artisti africani di alto profilo professionale che lavorano nel campo del teatro, della danza, della musica e dell’arte figurativa. Iniziare a porre le condizioni affinché queste manifestazioni artistiche possano incidere all’interno della realtà che li ospita, è la tappa obbligata per una cultura in evoluzione come quella italiana che da pochi decenni ospita intere porzioni di culture altre, finalmente in seno al proprio territorio. Milano diventa territorio privilegiato per questo incontro dalle forti identità.

Alla luce di queste esperienze, Mo ‘O ME Ndama, in collaborazione con Studio Azzurro e Giulio Calegari (Museo di Storia Naturale), intende promuovere una forma più diffusa e continuativa per CONTAMINAFRO, per porre le basi di una piattaforma che consenta e stimoli l’incontro fra tradizioni e culture, attraverso una koinè resa possibile dall’arte. L’obiettivo della piattaforma non sarà dunque solo “esibire” un programma con artisti di alto livello, nel breve tempo di un festival; ma fissare le fondamenta di una struttura permanente e vitale, predisposta per l’evoluzione instancabile di ogni identità che si vada formando.

Relatori: Lazare Ohandja, Valentina Bellinaso, Studio Azzurro con Laura Marcolini e Fabio Cirifino, CRT Milano, APS – psicologi per i popoli nel mondo, con Paolo Castelletti.


 

 

Conferenza : “L’Immaginario dell’invisibile nel cinema-video di Nollywood – Nigeria”

mercoledì 22 giugno 2016 ore 17.30 – 19.30

Spazio delle Culture

a cura di Arci Milano

Il Cinema-Video Nollywood sviluppatosi in Nigeria, rappresenta un fenomeno importante della produzione cinematografica, seconda al mondo, e per gli spaccati che offre delle grandi metropoli africane e della crisi culturale ed economica che le attraversa . Nelle storie si rivelano le ambiguità, le paure e gli incubi dell’essere umano alle prese con i cambiamenti sociali ed economici e l’insicurezza latente della società contemporanea africana, dove interagiscono conflitti radicali di potere in una società che ancora mantiene potenti immaginari delle ritualità ancestrali.

Con Gigi Pezzoli, studioso e scrittore africanista – Presidente del Centro Studi Archeologia Africana, o-curatore della mostra al MUDEC “ L’Africa, la terra degli spiriti” e con Giovanna Santanera, dottoranda in Antropologia della Contemporaneità – co-curatrice del libro “Lagos calling : Nollywood e la reinvenzione del cinema in Nigeria”.


 

 

Itinerari dei Tropici 4 – “Architettura cerimoniale ashaninka: Mayantuyacu” – Conferenza di Adine Gavazzi

giovedì 23 giugno 2016 ore 18.00 – 20.00

Spazio delle Culture

a cura dell’ Associazione Mimondo

Adine Gavazzi, architetto e antropologa americanista, studia l’architettura cerimoniale andina e amazzonica dal 1986. In ambito etnografico ha avviato nel 2012 il progetto multidisciplinare di Mayantuyacu, un centro di medicina tradizionale ashaninca nella selva peruviana di Pucallpa. Come membro della Cattedra Unesco dell’Università di Genova “Antropologia della salute – Biosfera e sistemi di cura” analizza spazi e paesaggi di guarigione.


 

 

Conferenza “Pedagogia e intercultura” #02

giovedì 30 giugno 2016 ore 18.30 – 21.00

Spazio delle Culture

a cura di Arci Milano, Ciridi Associazione tra artisti, Anupi (associazione nazionale psicomotricisti italiani), Arte del sé

Un caso studio : Seconda generazione identità in evoluzione”: l’incontro esplorerà le evoluzioni del progetto interculturale sul territorio di Magenta, approfondendo le metodologie di formazione e intervento nelle scuole messe in atto grazie all’incontro tra le associazioni e alcuni istituti di ricerca. Questo secondo appuntamento aprirà il confronto con nuove esperienze pedagogiche in diversi territori, per esplorare possibilità di intervento innovative in campo interculturale

Relatori: Geppino Materazzi, Donata Castiello, Vaninka Riccardi, Roberta Villa, Chiara Lugarini, Marta Franchi, Laura Pomari.



 

ITALIANI SULL’OCEANO – programma Forum della Città Mondo

Programma di incontri, film e musica

L’esposizione che si svolge al primo piano del MUDEC dà particolare risalto alle relazioni artistiche italo-brasiliane nel corso del XX secolo, documentando percorsi umani e intellettuali intrecciati con la storia dell’arte e la storia delle culture. Il Forum della Città Mondo, attraverso l’associazione Vagaluna, presenta un programma di iniziative che promuove la cultura brasiliana attuale e, in particolar modo, le relazioni culturali Italia – Brasile a Milano.

Laboratorio per bambini “Zoic e il destino del Pianeta”

domenica 3 aprile 2016 ore 16.00

MUDEC Lab

Giordano Pagotti (compositore) e Fernanda de Oliveira (scrittrice) sono due artisti brasiliani che producono materiale culturale destinato al pubblico infantile, e accompagneranno i bambini alla scoperta di “Zoic e il Destino del Pianeta”. Voce: Max Di Landro – Chitarra: Giordano Pagotti – Violoncello: Eder Belchior – Clarinetto: Maria Beraldo Bastos – Flauto: Gabriel Rimoldi – Oggetti e movimenti scenici: Fernanda de Oliveira – Tecnico: Djalma Filho.


 

Dj-set – Monica Paes

giovedì 14 aprile 2016 ore 19.30

Cortile antistante Mudec – Agorà in caso di pioggia

di Rio de Janeiro, esplora le sonorità del Brasile contemporaneo, dal MPB al funk, Bossabeat, Forrò e Manguebeat.


 

Film “A coleao invisivel” (Brasile 2013, 89’), regia di Bernard Attal.

giovedì 19 maggio 2016 ore 20.30

Auditorium

Per cercare una soluzione ai problemi economici della sua famiglia, Beto intraprende un viaggio alla ricerca di un importante collezionista. Miglior film per il pubblico, miglior attrice e attore protagonista al Festival di Gramado. Con Vladimir Brichta, Walmor Chagas, Ludmila Rosa.

Film in lingua originale con sottotitoli in italiano e ad ingresso libero.

Introduzione del critico cinematografico Marco Palazzini.


 

Concerto “Nova Bossa contro il vento”

giovedì 26 maggio 2016 ore 20.30

Auditorium

a cura di Outis – Centro Nazionale di Drammaturgia contemporanea – nell’ambito del progetto INNESTI – Mutazione del paesaggio umano transculturale, vincitore del bando Mibact-MigrArti per lo Spettacolo.

Marco Massa – voce, chitarra acustica, chitarra elettrica, ukulele, tromba, effetti.

Nenè Ribeiro – voce e chitarra acustica.


 

Film “A História da esternidade” (Brasile 2014, 120’), regia di Camilo Cavalcante.

sabato 28 maggio 2016 ore 20.00

Auditorium

Le storie di amore e desiderio di tre donne di età differente in un villaggio di 40 abitanti, in un paesaggio desertico del nordest brasiliano. Miglior film, miglior regista, attore e attrice protagoniste, premio della critica al Festival di Paulinia. Con Irandhir Santos, Marcelia Cartaxo, Zezita Matos.

Film in lingua originale con sottotitoli in italiano e ad ingresso libero.

Introduzione del critico cinematografico Marco Palazzini


 

Film “Xingu” (Brasile 2012, 102’), regia di Cao Hamburger.

giovedì 9 giugno 2016 ore 20.30

Auditorium

Negli Anni Quaranta, i fratelli Villas Boas – Orlando, Claudio e Leonardo – decidono di vivere la grande avventura della loro vita e prendono parte alla spedizione Roncador-Xingu, voluta dal governo di Brasilia per cartografare le zone ancora vergini dell’Amazzonia centrale e censire le eventuali popolazioni indigene del luogo. Appassionatisi alle culture indigene incontrate o scoperte, i tre cominciano a interagire con gli Indios, prendendone a cuore problemi e difficoltà fino a essere coinvolti in prima persona nelle lotte che anni dopo gli Indios porteranno avanti per ottenere il riconoscimento della loro autonomia e la fine delle discriminazioni.

Film in lingua originale con sottotitoli in italiano e ad ingresso libero.

Introduzione del critico cinematografico Marco Palazzini e intervento di Marco Antonio Ribeiro.



OUTIS al Mudec

Innesti – Mutazione del paesaggio umano transculturale (progetto vincitore del bando Mibact- Migrarti per lo Spettacolo). Nuovi scenari sociali e culturali nella società contemporanea italiana, disegnati da immigrati di prima e seconda generazione.

a cura di Outis – Centro Nazionale di Drammaturgia Contemporanea in partenariato con Associazione La Tenda/El Ghibli, Centro di Cultura Albanese, Centro Culturale Italo Romeno, Cooperativa Proficua.

Conferenza : “Nuovo Scenario Italiano. Stranieri e italiani nel teatro contemporaneo”

giovedì 26 maggio 2016 ore 18.30 – 20.00

Spazio delle Culture

Coordina Raffaele Taddeo (La Tenda – El-Ghibli)

Interventi di Maria Cristina Maceri, Università di Sidney e Marta Niccolai, Università College di Londra, autrici del libro Nuovo Scenario Italiano. Stranieri e italiani nel teatro contemporaneo, Roma, Ed. Ensemble, 2015.


 

Tavola rotonda sulla letteratura della migrazione

lunedì 6 giugno 2016 ore 18.00 – 19.30

Spazio delle Culture

Coordina Raffaele Taddeo (La Tenda – El-Ghibli)

Interventi di: Violeta Popescu (Rediviva, casa editrice romena – italiana, Centro Culturale Italo-Romeno di Milano); Pap Khouma, scrittore di origine senegalese; Abdel Malik Smari, scrittore di origine algerina.


 

Incontro pubblico con Aleksandros Memetaj

martedì 7 giugno 2016 ore 18.00 – 19.30

autore del testo “Albania casa mia” e Giampiero Rappa, regista dello spettacolo

in collaborazione con il Centro Culturale Albanese di Milano



 

 

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: